Percorso Fisiologico

Con questa fotogallery vogliamo aiutare le future mamme ad entrare in contatto con la nostra struttura attraverso immagini e testi che descrivono il percorso che verrà affrontato dopo la nascita del il proprio bebè.
Foto1

Subito dopo il parto alle donne che lo desiderano viene garantito il contatto “pelle a pelle” con il proprio bambino.
Tale pratica viene effettuata senza interruzioni per circa due ore. Durante il contatto “pelle a pelle” le mamme, sostenute da un operatore “dedicato”, vengono incoraggiate a riconoscere quando i loro figli sono pronti per attaccarsi al seno e, se necessario, viene offerto loro aiuto per la prima poppata. Le procedure assistenziali al neonato (pesata, profilassi...) ed il bagnetto vengono posticipate per evitare interferenze.

Il contatto “pelle-pelle” ha tanti benefici: calma il neonato, regola il suo battito cardiaco, assicura la giusta temperatura corporea, riduce il rischio di ipoglicemia, riduce il pianto ed offre una maggior possibilità di allattamento materno esclusivo duraturo.

Foto2

In caso di necessità, il neonato viene portato all’isola neonatale, un’apposita stanza dove sono presenti tutti i presidi e le strumentazioni necessarie per l’assistenza medica del neonato.

 

 

 

 

 

 

Foto3Se è necessario effettuare il taglio cesareo (programmato o deciso durante il travaglio), le sale operatorie sono situate all’interno dell’area parto.

Il percorso post-parto è simile a quello del parto naturale e appena le condizioni della mamma lo consentono sarà possibile effettuare il contatto pelle a pelle.

Nel frattempo la persona di fiducia può vedere le prime cure prestate al neonato e tenerlo con sé.

 

 

 


Foto4

 Subito dopo la nascita, se le condizioni della mamma e del bambino lo consentono, entrambi vengono fatti restare in sala parto, con la persona di fiducia.

In caso di necessità organizzative, la mamma, il bambino e la persona di fiducia verranno trasferiti nella stanza post-parto in attesa del ricovero in Puerperio, che avverrà comunque non prima di 2 ore.

 

 

 

 



Foto5

 Una volta terminata la fase di osservazione, mamma e bebè vengono condotti nel Puerperio, situato al 2° piano della Clinica Mangiagalli, scala B.

Qui sono presenti 32 camere a due letti e una camera a tre letti. Quasi tutte le stanze hanno il bagno interno ad eccezione di alcune che lo hanno all’esterno immediatamente di fronte.

Dato che l’evento del parto non è pianificabile, qualche volta il numero di mamme in attesa di ricovero è superiore al numero di letti disponibile: in questi casi, in attesa di un letto in Puerperio, la mamma viene fatta attendere nell’area parto.

 

Foto6

 Durante la degenza viene promosso il “rooming-in” in modo che la mamma possa tenere il bambino in stanza vicino a sé consentendole di conoscerlo meglio e di poter rispondere prontamente ai suoi bisogni. Le Ostetriche, le Infermiere e le Puericultrici creano le condizioni ideali affinché, ogni madre possa stare con il suo bambino e possa allattarlo usufruendo di informazioni, consigli ed aiuto pratico. La persona di fiducia (che deve sempre portare il braccialetto), può accedere al reparto anche al di fuori degli orari di visita previsti, compatibilmente con l’attività clinica.

 

Foto7

 Il Nido è contiguo al Puerperio, sempre al 2° piano, ed è accessibile dalla scala D.

Il Nido del Sistema Sanitario Nazionale e il Nido Solventi (Santa Caterina) si trovano al 2° piano adiacenti al puerperio e sono raggiungibili dalla scala D. Il primo dispone di 45 culle per neonati fisiologici e 12 per neonati che necessitano di percorsi diagnostici specifici, il secondo di 15 culle per neonati fisiologici e 5 per neonati che necessitano di percorsi diagnostici specifici.

 

 

 

 

Foto8

 L'accesso ai Nidi è consentito esclusivamente alle madri e alle persone di fiducia che indossano il braccialetto di riconoscimento.

In queste aree i Medici, le Infermiere e le Puericultrici mettono in atto tutte le misure organizzative, strutturali e culturali atte a favorire il rooming-in e la promozione dell’ allattamento al seno.

 

 

 

 

Foto9

 Alla dimissione, oltre al controllo della mamma presso l'Ambulatorio del Puerperio, verrà programmato un controllo clinico neonatologico dopo 2-4 giorni presso gli Ambulatori situati in Mangiagalli o in Regina Elena (via Fanti n°6). Verranno inoltre illustrate le offerte di sostegno del territorio. In particolare i genitori verranno invitati ad iscriversi dal Pediatra di Libera Scelta il prima possibile. Per le famiglie residenti nella città di Milano tale iscrizione è già possibile nella nostra Fondazione durante il periodo di degenza.

 

 

HomeHome
Bimbo piuma Nato alla 25esima settimana di gravidanza, è stato sottoposto a un intervento d'urgenza per una perforazione intestinale. L'operazione nella…

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli accedi alla pagina Cookie dall'apposita voce nel Menu. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information